Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati

Registrati: Non registrati: 2

Cerca nel blog


Archivio

Anno 2016 Anno 2015 Anno 2014 Anno 2013 Anno 2011 Anno 2010

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Archivio di gennaio 2011

Emel Mathlouthi – آمال المثلوثي

Bassolinismo amorale e sindrome berlusconiana

Lo scenario: le primarie a Napoli e il suo vincitore, Andrea Cozzolino. Ora, da una parte abbiamo coloro che vedono la vittoria di Cozzolino da legittimare in nome dell’unità, dall’altra i critici del bassolinismo e dei vent’anni di centro-sinistra in Campania.
La polemica: c’è chi dice che Cozzolino “ha giocato sporco” e fa ricorso al Comitato [...]

Lotta Continua e tre pacchetti mille lire

da Alzaia di Erri De Luca
Nella mia gioventù ho preso parte a un movimento rivoluzionario di sinistra che si chiamava Lotta Continua. Era un’organizzazione volontaria, non governativa, non parlamentare. Aveva un giornale con quel nome e i militanti come me lo andavano a vendere a cento lire agli ingressi delle fabbriche. Davanti all’Italisider di Bagnoli [...]

Il premier si è fidanzato: vincere una campagna elettorale senza che sia cominciata

Come d’incanto, in una pigra e noiosa domenica pomeriggio, mi appare il Presidente del Consiglio in tutta la sua aura mediatica. Ascolto con attenzione. E’ lo stesso dello spot del 1994, tranne che per qualche anno in più e qualche evidente messa a punto del viso. Mi appare in versione integrale prima a Studio Aperto, [...]

Mirafiori e la babele delle parole

Riformista, migliorista, progressista, operaista, anti-operaista, conservatorismo di sinistra, autonomista, liberista…queste alcune, ripeto alcune, delle centinaia di parole sprecate per dare una categoria politica, o analitica che sia, alla questione Mirafiori. L’eccesso di zelo da parte degli “intellettuali” – organici o inorganici, da bar o da autobus – e dei vari opinionisti (mestiere sempre più battuto) [...]

Comunisti in cachemire

In una recente telefonata al neo-programma di Alfonso Signorini, Kalispera, il presidente del consiglio ha affermato con insistenza che tra i comunisti (il riferimento era esplicito al presidente Copasir Massimo D’Alema) vi è stata una trasformazione culturale, ma a quanto pare anche antropologica, che non ha però cambiato il loro modus operandi del fare politica. [...]

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo