Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati


Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 13

Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23
Registrati:
Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_num_rows() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 30
Non registrati:

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

L’ipertestualità del complesso ed il mondo blog

Tempo fa ho utilizzato l’espressione “ipertestualità del complesso” per spiegare in un post del nostro forum la capacità dei blog di generare approfondimenti organizzati ipertestualmente. Una caratteristica che non mi era sembrata banale e che mi ripromettevo di sviluppare in un successivo momento di riflessività. Il momento mi è stato offerto da Interferenze quando Claudio Simeone mi ha chiesto un titolo per la open session sui weblog che si è tenuta sabato scorso (28 agosto) in Valle Caudina. L’ho partorito e poi l’ho guardato con sospetto ed orgoglio come un figlio bello di cui però non si conosce il destino.

Oggi, con il cosiddetto “senno di poi”, ho scoperto in quella espressione significati insospettabili che gli studiosi chiamati ad articolarla hanno saputo mettere in luce con molta originalità. Su queste pagine nei prossimi giorni proveremo a darvene un saggio.

Per ora proverò a mettere in ordine le mie riflessioni, iniziando proprio dal titolo.

Nell’espressione “ipertestualità del complesso” ci sono due elementi fondativi: il concetto di sistema ed il linguaggio ipertestuale come principio di ordinamento che deriva la sua forza dalla logica aristotelica. Non si può infatti concepire il blog al di fuori di una logica sistemica che organizza sia le componenti interne al blog (individualmente concepito) che l’insieme esterno che ne consegue. Nè lo si può concepire disconoscendo quelle funzioni ipertestuali che lo rendono peculiare nel mondo del web (permalink, trackbacks etc.)

Definito nella sua essenzialità tecnologica, il weblog non è null’altro che un sistema relazionale di database che quindi comunicano fra loro (qualcuno preferisce l’espressione più trandy di System of Content Management) . La novità di questo sistema non è la tecnologia (certamente preesistente al blog) ma la condivisione del codice (basato su XML)che ne consente la messa in relazione sistemica. Questo codice è noto nel gergo tech come RSS (Really Simple Syndication). L’ipertestualità del complesso concepisce quindi i weblogs come un sistema di organizzazione della conoscenza, come un principio di ordinamento del caos informativo e come un percorso di approfondimento tematico. Come si vede, la relazionalità è centrale.

Salto a piè pari tutte le altre riflessioni di ordine epistemologico e tecnologico, per affrontare invece la questione da un altro punto di vista: la distinzione tra strumento e funzione. Il discorso ci porta infatti direttamente ai processi di appropriazione sociale della tecnologia. E ad un suo uso molto discusso, quello giornalistico.

Tutto inizia – come spesso accade – con un momento di svolta (un breakout) nella storia di questa tecnologia. La nascita dei warblogs, i blogs di guerra.
Correva il tristissimo 11 settembre 2001. Fino ad un momento prima i bloggers discutevano di tecnologia, web design e di blogging. Un po’ dopo (un momento, forse più), un intero mondo di posts non sembrava aver più alcun senso: l’evento aveva cambiato bruscamente la storia e di questa storia occorreva ora occuparsi sul serio. La gente tornava alla politica ed all’impegno civile.

Nasce così il discusso movimento del grassroots reporting, sul cui ruolo in rete è facile trovare molta riflessione. Qui riporterò solo una nota ancora, in riferimento alla forma ed alla forza che il movimento ha assunto nel tempo. Il grassroots reporting infatti non è un fenomeno omogeneo ma, come molti hanno già avuto modo di osservare (uno per tutti, Hiler 2002), esso può essere distinto in:

La forma: weblogs as a grassroots reporting:

 eyewitness blogs: blogging sul campo
 thematic blogs: blogging focalizzati
 collaborative media: blogging con un più ampio editorial board

La forza: weblogs as new media ecosystem:

 Breaking news
 Blog Filtering
 Traditional reporting (Blogs to print/ print to blogs)
 Fact checking

Funzioni che ricordano molto quella di un’opinione pubblica sensibile ed attenta. Non è un caso che il sistema dei blog sia stato battezzato: Blogosfera

Riferimenti Bibliografici

John Hiler, Blogosphere: the Emerging Media Ecosystem. How weblogs and Journalists work together to report, Filter and Break the News, Microcontentsnews 2002.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

I commenti sono disabilitati.

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo