Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati


Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 13

Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23
Registrati:
Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_num_rows() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 30
Non registrati:

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Surveying the cyberspace: una questione ancora aperta

Oggi si argomenta molto sulla reale efficacia della comunicazione via rete. L’interrogativo infatti cui le comunità scientifiche si preparano a rispondere non è più se le nuove tecnologie influenzano i processi politici ma come, e con quali risultati ciò sta già avvenendo, affrontando, nello specifico, i problemi relativi alla analisi teorica ed empirica.
Per le scienze sociali è iniziato quindi un periodo non facile di ricerca di nuovi paradigmi e di nuove metodologie d’analisi. Infatti, anche se Internet si presenta in molti casi simile alla stampa, la variabilità dei suoi confini, la natura effimera del suo contenuto e l’abilità dei suoi utenti ad interagire con essa modificandola, stanno creando vere e proprie sfide metodologiche. A partire dalla riconcettualizzazione dell’audience come unità di analisi frammentata e sfuggevole, molti assunti classici della teoria comunicazionale necessitano di essere rivisitati.

Di fronte ad indicatori e tecniche di ricerca che richiedono spesso anche una profonda conoscenza tecnica della rete e del suo funzionamento, la reazione più comune è il disorientamento. E questo è tanto più visibile in Europa che in America dove l’abitudine a “sporcarsi le mani” coi dati fa affidamento su una gloriosa storia ed un’altrettanta gloriosa produzione scientifica. Qui Internet ha rappresentato un’occasione ulteriore per sperimentare, su un campo totalmente inesplorato, concetti, metodi e criteri di valutazione presi in prestito da altre discipline, in particolare dell’area del marketing, della comunicazione e dell’antropologia. Come da anni dimostrano le pubblicazioni e le conferenze di Steve Jones.

E’ la ricerca empirica e quantitativa quella che sembra soffrire di maggiori problemi: molti fra coloro che studiano il web ammettono la propria difficoltà a gestire nuove categorie di analisi e, soprattutto, a maneggiare dati quantitativi poco stabili. In assenza di indici centralizzati, i ricercatori si affidano ai dati forniti dai motori di ricerca più noti (utilizzati in funzione di filtro) o a quelli forniti dalle numerose società nate proprio per rispondere al bisogno di numerizzare la rete.
Ma l’incertezza dei confini del web resta il dato più sconcertante e, nello stesso tempo, come ha scritto Benjamin Barber, un potente antidoto al dogmatismo: “the extreme difficulty of making definitive statements about this wildly fluctuating cyberworld might be one of most important finding. At the very least, it provides a warning against dogmatism in evaluating the relationship between the internet and democratic participation“.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

I commenti sono disabilitati.

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo