Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati

Registrati: Non registrati: 3

Cerca nel blog


Archivio

Anno 2016 Anno 2015 Anno 2014 Anno 2013 Anno 2011 Anno 2010

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…

Il dibattito pubblico sulla questione sollevata da Eco (e nel tempo sollevato da tanti altri illustri intellettuali …a partire da Montanelli) è stato trasformato viziosamente in un altro quesito: questo tipo di allarme serve o meno ad influenzare il comportamento di voto? ed in quale direzione?
L’immediata traduzione dell’appello di Eco in un messaggio a fini persuasori ha avuto l’effetto di impoverirne il senso riducendolo né più né meno alla stessa qualità (ed al sapore vagamente paranoico) dei messaggi di Berlusconi contro il comunismo che attenta alla democrazia. Dispiace per la verità veder diminuire Eco – ormai uno dei pochi che con le sue opere continua a dare lustri all’Italia in tutto il mondo – alla stessa stregua degli agitati politici italioti che consumano la loro popolarità in un volo di farfalla. Dispiace parimenti che sull’argomento non si sia voluto aprire un dibattito più serio, lasciando l’invito di Eco alla sua natura effimera di appello. Eppure, quanto è venuto alla luce ieri sulla questione delle intercettazioni che richiama in maniera diretta l’altro gravissimo (e misteriosamente impunito) episodio dell’intromissione nel sistema informativo del comune di Roma da parte di una società di eleborazione dati che lavorava per Storace (allora presidente della Regione Lazio), dovrebbe segnalarci che il confine è stato oltrepassato di molto. Si è andato cioè oltre il segno…oltre lo statuto della libera e legittima competizione, così come auspicata dalla teoria democratica. Berlusconi – ormai incastrato dal bisogno di un recupero di reputazione visibile nei diversi tentativi di mostrarsi come un uomo che sa – se vuole – anche non abusare del suo potere (ad esempio non facendosi ricevere dal papa e rinunciando alla conferenza stampa finale) – molto strumentalmente ma molto prontamente – ha scaricato Storace.

Ma, il punto, gravissimo e non messo in luce nell’appello di Eco e dal dibattito che ne è seguito, riguarda l’attentato costante, continuo, pernicioso che la destra ha operato nei confronti delle cosiddette regole. Badate, non si tratta delle regole scritte quelle per cui è facile verificare lo stato di deviazione, si tratta di qualcosa di molto più sottile e delicato che riguarda la struttura stessa di coesione della società. Le regole a cui faccio riferimento sono quegli usi e costumi che normano in maniera informale ma oltremodo efficace il vivere civile, l’anelito al bene comune, universale. Ecco, la destra ed in particolare Berlusconi ha creato una frattura forse incolmabile fra bene comune e bene di parte, utilizzando uno stratagemma efficacissimo ma pericolosissimo: tutto ciò che non è scritto nella legge, tutto ciò che non è stato formalizzato in qualche atto dotato di pubblicità allora si può fare. Le regole del vivere civile, dell’etichetta istituzionale, del cerimoniale, della consuetudine, della fairness, non esistono. Vale a dire che possono essere manipolate, aggirate, superate, alienate, decostruite, utilizzate a proprio piacimento. Fatto questo, ci ritroviamo proiettati nella società di Hobbes, del tutti contro tutti, dell’uomo che è lupo dell’uomo. Gli esempi, piuttosto elequenti, sono sotto gli occhi di tutti: c’era scritto da qualche parte che la legge elettorale non si potesse cambiare in estremis? Se non è formalmente illegale è quindi legale. C’era scritto da qualche parte che Berlusconi non potesse occupare la tv prima che scattasse la par condicio? Evidentemente no, se quindi non è illegale, a rigor di logica è legale e quindi si può fare.
Provate solo ad immaginare – per un brevissimo momento – cosa Berlusconi avrebbe potuto fare in Inghilterra, un paese dove il diritto non è scritto.
Questo è dunque il richiamo di Eco, il suo presagire un impossibile ritorno alle regole del vivere civile – e democratico – se Berlusconi verrà nuovamente eletto. Alla destra bisognerebbe spiegare che quello che non è vietato non è detto che sia etico. E sotto questo aspetto che andranno misurati i danni di questo governo, l’aver forse cambiato per sempre la natura degli italiani. Privandoli di una coscienza civica.

  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • del.icio.us
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • Twitter

2 commenti

  1. rosario scrive:

    Quello che mi preoccupa, per non dire mi fa paura, è esattamente il senso del messaggio generale e dei messaggi che emergono dalle parole e soprattutto dai comportamenti della nostra classe dirigente e no, che mano mano vengono ad affermarsi come del tutto ” normali ” nel nostro vivere quotidiano riflettendosi in moltissime situazioni che a prima vista non avrebbero niente a che vedere con cio’ di chi si dibatte e si discute. Nessuna regola, nessun criterio meritocratico, nessun senso di quei valori che dovrebbero essere sempre e comunque ” al di sopra “. Tutto deve essere riportato al potere o meglio all’esercizio del potere in quanto tale esercitato mediante parametri riconducibili soltanto alla propria capacita’ economica in grado di ” comprare ” tutto.
    Ma perche’ stupirsi di tutto cio’ ? Tale situazione non viene dal nulla e si è voluta abilmente costruire ad arte lasciando a pochi eletti la facolta’ di continuare a mantenere un minimo senso critico nei confronti di chi, nascondendosi dietro un falso
    ” pragmatismo sociale ” ha pensato bene che lavorare ed investire nella ” crescita culturale ” non fosse affatto remunerativo. Infatti la ” cultura ” costa, e noi lo sappiamo bene.

  2. Rosanna De Rosa scrive:

    Se consideri che Buttiglione ha dovuto fare un appello pubblico affinchè il governo di cui fa parte non continuasse a tagliare i fondi al suo ministero, appunto, dei beni culturali…allora si capisce quanto sia becero il “pragmatismo sociale” cui fai riferimento. Sic.
    E’ tempo di cambiare, ed è tempo che i più giovani scendano in politica.

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo