Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati


Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 13

Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23
Registrati:
Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_num_rows() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 30
Non registrati:

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

L’insostenibile leggerezza dei new-media

E’ di pochi giorni or sono, in una analisi presentata al Senato sul crollo dell’economia finanziaria di assalto, uno dei pilastri del moderno capitalismo, la dichiarazione del ministro Tremonti secondo cui i residui di tale crollo (i famosi “derivati”) ammonterebbero a 12,5 volte il PIL mondiale. Sarebbe a dire che la quantità di immondizia che sovrasta a tutt’oggi il sistema economico e finanziario mondiale, è una montagna di cui non si vede la cima. O per meglio dire, un pozzo senza fondo.
Mentre non è da ieri, e dalla sua partecipazione alla trasmissione televisiva Anno Zero, che Tremonti attacca in maniera palese il processo di globalizzazione che ha investito l’economia mondiale negli ultimi quindici anni: troppo veloce e troppo incontrollato per essere sostenibile. Un processo di crescita che non poteva non generare squilibri colossali, come quelli con cui ora ci tocca fare i conti.
E non a caso, nella stessa trasmissione, si parlava della crisi dell’Alfa Romeo di Pomigliano, vittima dello stesso processo: accade quindi che, nella logica di questo capitalismo sconclusionato, i poveri del mondo si trovino in guerra tra di loro per sopravvivere, continuando ad essere i produttori della ricchezza di pochi.

Gli operai di Pomigliano debbono guardare il loro stabilimento chiudere, mentre altri operai, in Polonia, producono le automobili che la Fiat avrebbe dovuto costruire a Pomigliano, per un terzo dello stipendio “Italiano”.
Ma che c’entra tutto questo con i “new-media” (se così si possono ancora definire)?
C’entra . Trust me!!!
In qualche modo sono lo specchio della situazione attuale: ma concausa o prodotto secondario?
Molto interessante l’analisi di questa comunicazione sempre più leggera, veloce ed autoreferenziale, fatta ieri dal New York Times e riportata dal blog di Bernardo Parrella.
Ci troviamo dinanzi ad una informazione rapida, rapidissima, twitterizzata che coinvolge tutti ed in qualsiasi momento. Ma di tutta questa produzione quotidiana, di interazione e comunicazione, cosa alla fine resta?
E’ molto bello, in tal senso, l’analisi di Nicholas Carr su “the Atlantic” di Luglio/Agosto 2008 e sapientemente tradotta e riportata su Yurait Social Blog da Mario Squarotti.
C’è un modo di pensare che sta cambiando, sempre più velocemente. Sempre più lieve è la presenza della nostra attenzione alle cose, il livello della concentrazione, della analisi e della partecipazione.
E un mondo disastrato, in cui l’informazione è gestita e condizionata in maniera sempre più forte, ha bisogno di notizie “anestetiche”, di meccanismi dove l’energia del mondo “reale” venga scaricata in formato elettronico, ma in maniera tale da divenire “inoffensiva”: ovvero la rete non diviene il luogo dove l’incontro delle intenzioni produce l’iniziativa e l’alternativa, bensì il luogo dove le frustrazioni vengono consumate lentamente senza soluzione di continuità, privandole man mano della propria carica energetica, rendendole quindi “inoffensive”.
Non è un caso che, uno degli ultimi algoritmi di successo di Facebook sia rappresentato dalla manina col pollice alzato “mi piace” che ci risparmia ulteriormente l’onere del già breve commento. Tutto viene esaurito e consumato con la velocità di un “clic”. Non c’è interlocuzione e non c’è dialogo.
E non è un caso che dietro questa degenerazione dell’interazione ci sia un’operazione economica: facebook starebbe organizzandosi per vendere informazioni commerciali alle aziende, sui gradimenti e le opinioni dei propri utenti.
I media tradizionali, molto più facilmente gestibili, hanno da tempo acquisito il connotato della leggerezza: la tv spazzatura dove i comportamenti più degenerati vengono esposti senza pudore subdolamente suggerendo una livellazione culturale verso il basso, i reality che con la realtà hanno molto poco a che vedere e che trasformano sentimenti ed emozioni in spettacolo, fiction, distruggendone la matrice valoriale e la frivolezza del “cogli l’attimo”, ci sta lasciando scorrere addosso tragedie umane ed economiche sin ora mai viste.
Un disastro economico e finanziario, come quello che viviamo in questi mesi, non sarebbe stato “tollerabile” se non fosse stato così fortemente e costantemente “anestetizzato”, addormentando le nostre coscienze con anestesia generale.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

3 commenti

  1. Tommaso Ederoclite ha detto:

    Mi dispiace Antonio…ma il tuo giudizio/analisi mi appare riduttivo. Non puoi chiudere i new media (ora non più tanto new) a Facebook e al simboletto “apprezza”.
    Non mi stancherò mai di dirlo…FB è solo un fenomeno quantitativo e non si può fare valutazione di ordine qualitativo. Inoltre non contempli la molteplicità di piattaforme tecniche e spazi di discussione che proliferano in rete. Sei lontano dal poter tirare conclusioni così avventate.
    Appena organizzo le idee cercherò di spiegarmi meglio.

  2. Antonio Rossano ha detto:

    Bene Tommaso, attendo le “motivazioni” della sentenza.
    Atteso che, ovviamente, la mia analisi è molto “angolare”, ovvero messa sù per valutare esclusivamente un determinato aspetto della comunicazione veloce e labile di questi ultimi tempi (come i link ed i riferimenti riportati), mi aspetto poi che il giudizio che articolerai in seguito non prescinda da questa prospettiva, altrimenti distorcendone la visione.

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo