Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati

Registrati: Non registrati: 2

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Il politichese a portata di dito …

Con l’espressione politichese o burocratese ci si riferisce ad un tipo di linguaggio politico di difficile comprensione per i non addetti ai lavori. Un linguaggio criptico e capzioso come quello della burocrazia, caratterizzato da tecnicismi, astrazioni, ambiguità che creano una distanza tra politici e cittadini. Questi ultimi manifestano una certa insofferenza e come afferma Murray Edelman, nel suo importane studio sul linguaggio politico (The Symbolic Uses of Politics, 1976), «il gergo burocratico viene costantemente ridicolizzato e la presunta arbitrarietà delle decisioni amministrative viene regolarmente denunciata».
Da pochi giorni una delle categoria analitiche della comunicazione politica come quella del linguaggio politico è approdata su iPhone. E’ stata infatti rilasciata Politichese, un’applicazione scaricabile dall’Apple Store, su iPhone e iPod Touch, che permette di allenarsi a parlare come i politici e a dire qualsiasi cosa su qualunque cosa senza dire niente. Con la pressione di un dito si possono generare fino a 268 milioni di combinazioni di frasi per creare un discorso che non ha nessun significato come questo: «Un approccio strutturato su una pluralità di competenze delinea la sfida che ci attende in Europa nel primario interesse della popolazione avviando infine in compimento, nel momento in cui la congiuntura lo consente, la sfida del nuovo millennio». E’ possibile poi salvare quelli che più vi piacciono o che più sono utili alla vostra campagna elettorale ed inviarli anche via mail. Un’utile soluzione, dunque, sia se siete politici, perché potete risparmiare soldi in ghostwriter e preparare una campagna elettorale fai da te, sia se siete cittadini e volete far bella figura con i vostri amici, quando si parla di politica, manifestando una sbalorditiva proprietà di linguaggio.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

1 commento

  1. Caterina ha detto:

    Apriamo porte e portoni ad un linguaggio chiaro, semplice e diretto della politica, tale da attrarre sempre più persone all’ascolto e creare un interesse crescente nelle persone che si disinteressano di politica proprio per la complessità di linguaggio adoperato dai suoi rappresentanti. Il perchè di un linguaggio complicato sembra chiaro ormai a tutti: è un buon modo per raggirare le persone e salvarsi la poltrona.
    Anche se le persone sono ingenue e talvolta poco acculturate sugli argomenti trattati dai politici, sono però brave a giudicare ciò che viene realmente fatto sia in campo politico che sociale, quindi attenti cari “politici canterini” le parole possono ritorcersi contro e come un macigno schiacciarvi.

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo