Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati


Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 12

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 13

Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 23
Registrati:
Warning: mysql_query(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_query(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 29

Warning: mysql_num_rows() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/wp-content/themes/pol/functions.php on line 30
Non registrati:

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Il sangue di una cittadina

Apprendere che in Italia, in Campania, si possa morire per difendere il proprio salario, per far valere i propri diritti di lavoratrice, suscita estremo dolore, sconforto, rabbia.
Un avvenimento come la morte di Mariarca Terracciano mette per l’ennesima volta sul tavolo della discussione la crescente degenerazione del valore della vita, del lavoro, che le istituzioni locali e nazionali danno ai propri cittadini.
In un momento in cui si litiga sull’assegnazione dell’Assessorato alla Sanità la morte di un’infermiera che non riceveva più il suo salario, e costretta a protestare prelevando il sangue ogni giorno, non è più solo l’aspetto simbolico di una protesta ma è la macabra e dolorosa diapositiva dell’attuale situazione delle istituzioni campane. Un’istantanea che non dovrebbe far provare né pena e né indignazione ma dovrebbe palesare la sconfitta di un intero assetto societario, istituzionale e civile.
Mariarca Terracciano oltre che una lavoratrice era una madre di due bambini piccoli e come tale ha difeso fino alle estreme conseguenza il futuro dei suoi figli, un futuro che le spettava di diritto. Quando muore una madre per difendere i suoi bambini dall’insicurezza, dalla precarietà sociale ed economica, con essa muore tutta una società, muore tutto ciò che sostiene l’equilibrio del vivere associato.
La morte della Terracciano non è dunque solo il tragico epilogo di una storia di cattiva amministrazione, la morte di Mariarca Terracciano non è la drammatica conclusione di una protesta che è sfuggita di mano.
No.
La morte di Mariarca Terraciano è il culmine del dissesto umano, civile e sociale che sta attraversando il nostro paese, le nostre istituzioni, la nostra regione.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

2 commenti

  1. ros ha detto:

    E’ terribile. Doppiamente. Perché non si deve consentire di arrivare a tanto per ricevere ascolto e perché le conseguenze della sua protesta non erano state messe evidentemente nel conto. Un conto che non pagherà la politica, non pagherà l’amministrazione sanitaria, non pagheranno le rappresentanze sindacali.
    Un conto che pagheranno solo i suoi figli nella maniera più crudele possibile: la solitudine. Se Napoli ha ancora un’anima da qualche parte ed una dignità allora questo è il momento di dimostrarlo.

  2. Salvatore Esposito ha detto:

    Purtroppo credo che passato lo shock generato da una notizia così drammatica, tutto, purtroppo, ritornerà come prima. Forse questa la dimensione più attuale del dissesto umano e civile di cui parla Tommaso.

Invia un commento


Regole di invio

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo