Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati

Registrati: Non registrati: 1

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Alla faccia della discontinuità

In questa campagna elettorale senza politica il dibattito tra i candidati verte, in una maniera che definirei maniacale, sul tema della discontinuità. I quattro principali contendenti se le menano di santa ragione accusandosi reciprocamente di connivenza con le amministrazioni precedenti.
Con le fila infarcite di ex politici e grandi elettori del centrosinistra, oltre che di condannati con sentenze passate in giudicato per pene maggiori di due anni, Lettieri sbandiera la sua formula: “il centrosinistra ha fallito, ora si metta alla prova una nuova classe dirigente”. Un ragionamento che in astratto non farebbe una piega, se non ci fosse la proteiforme e trasformistica politica napoletana a complicare maledettamente le cose. Morcone dal canto suo chiede la fiducia degli elettori sulla base della sua comprovata esperienza istituzionale estranea ai partiti politici e alle vicende della città. Ma è davvero difficile far dimenticare che una sua vittoria ricollocherebbe al centro della coalizione di governo il partito maggiormente responsabile dello sfacelo di questi anni e che ha dato un penoso spettacolo di sé nelle recenti primarie.
De Magistris invece affronta baldanzoso il tema dal quale pensa di ricavare il massimo vantaggio. Se potesse si giocherebbe il jolly in questa prova. Peccato che il partito di cui è uno dei principali leader nazionali venga da dieci anni di sostegno incondizionato all’amministrazione Iervolino. E che non più tardi di un anno e mezzo fa, con un’azione degna del più verticistico partito-azienda, abbia preteso da un consigliere comunale del proprio partito il ritiro di una mozione di sfiducia verso la stessa giunta Iervolino, che oggi, più di tutti gli altri, pretende di mettere al rogo.
Infine il moderato Pasquino, che, non volendo essere da meno sul terreno della retorica della discontinuità, si è recentemente lanciato in un proditorio attacco alla malagestione della sanità campana, nella persona dell’ex assessore regionale Montemarano, il cui figliolo, recordman di preferenze alle scorse comunali, dopo una intensa esperienza tra le fila del Pd, è passato alla corte di Lettieri. Ci sarebbe da restare ammirati per il colpo di reni, se non fosse che quella gestione fu voluta in primis da De Mita, massimo riferimento politico dello stesso Pasquino.
Ecco che la discontinuità, in queste rocambolesche accuse e levantine prese di distanza, perde il suo significato politico, diventa una mera categoria del gossip. È troppo chiedere ai candidati una pacata analisi dei limiti delle amministrazioni precedenti, in termini di scelte politiche e di metodo di governo? Qualcuno dei candidati è capace di spiegare come intende mediare, nel concreto, tra i tanti interessi legittimi che la città, nonostante tutto, ancora esprime? Senza spacciare l’illusione propagandistica di dare un colpo di spugna al “vecchio”, ma indicando modi e temi su cui realisticamente far crescere un nuovo corso amministrativo.
Se così fosse potremmo per una volta votare in positivo, per adesione alla credibilità di un progetto, e non sulla base di una emotiva presa di distanza dal degrado di una città e della sua classe dirigente. Cosa che forse lava la coscienza, ma non risolve i problemi dei napoletani.

Corriere del Mezzogiorno, 12.05.2011

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

1 commento

  1. giuseppe ha detto:

    La rete avvicina i cittadini alla politica e viceversa ma non può sostituire la democrazia rappresentativa. Il portale di Politicount misura la presenza in rete dei politici.
    Ve lo consiglio: http://www.politicount.it/

Invia un commento


Regole di invio

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo