Menu Principale

 Home-Page
 Osservatorio
 Epistemologia della Rete
 Culture Digitali
 Segnalazioni
 Risorse

Accedi

Visitatori collegati

Registrati: Non registrati: 1

Cerca nel blog


Archivio

Blog-rolling

Syndicate

W3C Validator

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Mai. Per la giornata della memoria

Certo che dev’essere difficile.
Dev’essere difficile far finta di niente, continuare a vivere come se nulla fosse successo, chiudere gli occhi sperando di dimenticarsi ogni cosa. Dev’essere difficile desiderare un’amnesia grave a tal punto da eliminare la propria persona, eliminarsi per ritornare impossidente di ricordi come a quando si aveva pochi giorni di vita.
Dev’essere difficile morire per rinascere.
Purtroppo, perire dopo esser sopravvissuti ad una guerra, ad uno sterminio è uno spreco. Molte persone hanno dovuto aprire la propria anima per svuotarsi, per strapparsi un pezzo di cuore per non soffrire più. Alcuni hanno cantato, altri hanno scritto, altri ancora hanno dipinto e poi c’è chi ha raccontato, ha mostrato i segni che la cattiveria aveva lasciato sul proprio corpo, ha sensibilizzato le generazioni future per far sì che un silenzio del genere, il silenzio dell’oblio della violenza, non venisse udito mai più. Quel silenzio ha rotto i timpani a molti scrittori che hanno fissato su carta le urla disperate, i sospiri, il fumo dei forni crematori, e il gas, l’umidità dei corpi nudi trattati come fossero pezzi di carne senza dignità. Hanno scritto la consapevolezza: la consapevolezza di ciò che era successo. Ne hanno preso atto, hanno compreso trascrivendo l’esperienza in parole fatte di inchiostro e, quindi, parole materiali. Se è scritto qualcuno lo ha pensato o lo ha vissuto, se è scritto molto probabilmente è vero. Ogni pagina che hanno riempito pesa, ti pesa al cuore, come se il nero stampato fosse piombo.

Certo che la guerra deve aver influenzato un po’ tutti: chi era al sicuro, chi era indifferente e, addirittura, chi era ignaro. Deve aver influenzato, proprio come una malattia, la mano tremolante dei bambini che cercavano di colorare all’interno dei bordi, la musica nella testa di un compositore che scriveva note, crome, minime, come minimo rassegnate. E il virus si propagava, arrivava fino alle dita di un musicista che suonava in un ristorante o, magari, sopra una nave accompagnando i dolci schiocchi delle labbra di due innamorati a cui era rimasto solo il loro amore.
Primo Levi scriveva, nel 1958, che “la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo” e, in effetti, aveva più che ragione. Io, che sono fuori da tutto questo, non riesco a trovar parole per descrivere a pieno il sentimento che mi provoca il ricordo. A volte però servono parole semplici, come quelle che usa Guccini:
“Io chiedo come può un uomo
uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni
in polvere qui nel vento”.
Quel vento frusciava nelle orecchie di E. Wiesel e, insieme al silenzio, gli fece capire che mai, mai avrebbe dimenticato tutto ciò, anche se fosse stato condannato a vivere quanto Dio stesso.
Mai.

Share!
  • Facebook
  • LinkedIn

Invia un commento


Regole di invio

Ultimi Commenti

arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Sarebbe bello se qualche insegnante di cucina, magari di qualche buon istituto alberghiero, si cimentasse ...
arrow Rosanna De Rosa (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Il progetto prevede il lancio di ulteriori MOOC a febbraio. Alcuni davvero professionalizzanti e molto ...
arrow paolo (Con Emma, innoviamo la didattica e facciamo crescere l’Italia in Europa): Ce ne saranno anche altri in futuro, o sono solo questi? ...

Da non perdere

arrow Berlusconi: operazione verità. Si salvi chi può
arrow Caterina va a votare
arrow Di quando la politica diviene un incubo
arrow Game Over
arrow I frames di queste elezioni
arrow Il calciomercato di plastica
arrow La politica delle bocce ferme
arrow La regionalizzazione della ragione
arrow Le “parole in libertà” del Signor B.
arrow PoliticaOnline uno dei “Best of the Web for Social Science”
arrow Prodi, i media e la società italiana
arrow Quel pasticciaccio brutto del sistema elettorale campano
arrow Rivoluzioni silenziose
arrow The Anticipatory Campaign: una parabola
arrow Tutto ciò che non è formalmente illegale è legale…
arrow Un dibattito senza
arrow United 93: il primo film sull’11 settembre
arrow USA: turbolenta vigilia per il quinto anniversario dell’11/9
arrow “Non pensiamo all’elefante”

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Politicaonline.it.

E-mail

Perché questo sito?

La cultura politica odierna è affetta da un virus malevolo: mancanza di dibattito e partecipazione. Il processo democratico si è (meglio: è stato) sostanzialmente ridotto a dare deleghe in bianco, a tapparsi il naso nell'urna elettorale, o ancor peggio a far finta di nulla.
In maniera indipendente da strutture o entità di qualsiasi tipo, questo spazio vuole sfruttare l'interazione del blog per avviare un esperimento di comunicazione a più voci. Una sorta di finestra aperta sulle potenzialità odierne insite nella riappropriazione del discorso culturale politico, dentro e fuori internet - onde impedire l'ulteriore propagazione di un virus che ci ha già strappato buona parte del processo democratico.

indent Editorial Board

indent Collaboratori

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilità e copyright dei rispettivi autori e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo