Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/functions.php on line 334
Politics Matters » “Public Opinion Polls”, strumento di democrazia e di controllo sociale
Politics Matters

Menu

Utenti

1 Utente Online

Link utili

Blog e Risorse

Media

Opinion Polls

Osservatori

Partiti

Più letti

arrow I latini gi? lo sapevano: sine pecuniae
arrow Lo Strappo Atlantico : intervista a Rita di Leo
arrow Comunque vada, serviranno a qualcosa queste elezioni?

Da non perdere

arrow Lo Strappo Atlantico : intervista a Rita di Leo
arrow I latini gi? lo sapevano: sine pecuniae
arrow Il dialogo USA - Europa
arrow Il sogno imperialista degli intellettuali americani
arrow Presidenziali americane: l’ultimo round
arrow Tutti i rischi di Kerry

4/10/2004

“Public Opinion Polls”, strumento di democrazia e di controllo sociale

Valentina Reda, ore 11:00 pm

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

Nel guardare alle elezioni negli Stati Uniti ? fondamentale dedicare spazio all’osservazione della produzione e pubblicazione di sondaggi che le accompagna. La tecnica del sondaggio, d’altra parte, ? nata e si ? sviluppata proprio in questo Paese, dove si ? imposta per le sue potenzialit? d’utilizzo nel campo della propaganda elettorale; laddove in Italia, per esempio, la sua applicazione effettiva in ambito politico risale soltanto agli anni ’80.

La classe politica americana (a partire da Roosvelt) ha immediatamente compreso che la presunta scientificit?, su cui si fonda la legittimazione dello strumento, e gli (sperati) effetti di rigenerazione democratica rappresentavano la possibilit? per l’opinione espressa dal sondaggio di sovrapporsi ad una piuttosto indefinita “opinione pubblica”. Rappresentando la pi? generale volont? del popolo, essa pu? legittimare le politiche dei suoi rappresentanti.
Le esperienze elettorali pi? recenti (Presidenziali USA del 2000 e Presidenziali francesi del 2002) hanno permesso di tornare di nuovo su questa seconda faccia della medaglia: lo strumento di democrazia ? infatti anche strumento di controllo sociale, in grado di costruire un’opinione che “non esiste” – riprendendo Pierre Bourdieu – e di oggettivarla, comunicando al pubblico quello che pensa.

Per questo motivo ? opportuno guardare criticamente ai sondaggi pubblicati, specialmente quando si tratta di rilevazioni compiute a livello nazionale su un territorio sconfinato come quello statunitense. In tal caso, ? evidente come l’utilizzo di un campione di duemila, o addirittura solo mille casi, implica delle scelte metodologiche rigide, che possono non rivelarsi efficaci.
Si pu? considerare, ad esempio, il caso di molti sondaggi il cui campione viene selezionato tra gli elettori registrati, il che riduce molto l’entit? della popolazione di riferimento rispetto all’unit? totale degli aventi diritto al voto. Come si noter? facilmente dando un’occhiata ai dati relativi alla horserace su Polling Report . Cos? se l’agenzia Luis Harris il 13/9 rivelava un minimo vantaggio di Kerry (48%) rispetto a Bush (47%) e l’agenzia Pew il 14 registrava un vantaggio di Bush altrettanto minimo (47%) contro Kerry (46%), l’istituto Gallup, invece, rileva dei risultati notevolmente diversi il 25/9, con Bush (54%) decisamente in vantaggio su Kerry (40%). Variabilit? determinata da qualche evento contingente? O forse non ? pi? lecito sospettare una diversa strategia di costruzione del campione? Di conseguenza, diventa altrettanto problematico stabilire se l’incremento registrato nell’interesse della popolazione verso la politica nazionale –(vedi Sondaggio Gallup) www.gallup.com - si concretizzer? poi in un effettivo aumento dell’affluenza elettorale, dato l’abituale alto livello di astensione. La forte valenza ideologica di questo scontro lascerebbe, tuttavia, pensare di s?.
D’altra parte, non potendo eliminare alla fonte la possibilit? di errore, la lettura critica e attenta del sondaggio resta l’unica arma a nostra disposizione per difenderci dalla distorsione dell’informazione. La responsabilit? si sposta inevitabilmente sui comunicatori che attribuiscono al sondaggio uno spazio centrale, potenziandone il suo ruolo strategico e la sua capacit? di costuire media events. E laddove l’evento non ha bisogno di essere creato, il sondaggio viene utilizzato esclusivamente per quella che ? la sua natura di strumento di comunicazione efficace e diretto, che risponde perfettamente a quelle esigenze di semplificazione del messaggio espressa dalla comunicazione di massa.

Nella grande produzione di sondaggi, per?, si realizza anche una possibilit? di approfondimento e di analisi del comportamento elettorale, che rappresenta un’applicazione capace di conferire al sondaggio dignit? scientifica e teorica, come la recente pubblicazione del libro edito da Frank Newport, Ceo della The Gallup Poll, dal titolo quanto mai evocativo di Polling Matters non manca di rilevare. In questo senso pu? essere molto interessante leggere i sondaggi sul lungo periodo con lo scopo di osservare come si evolve il consenso e in base a quali elementi questo si struttura e si radica. E quindi anche quali sono le issues su cui si gioca l’agone elettorale.
E qui ritorna – immancabilmente – il paradosso dell’uovo e della gallina. Viene prima l’agenda dei media o quella della politica? E quella dei cittadini quando verr

1 Comment


  1. Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/kses.php on line 527

    Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/kses.php on line 96

    Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/functions-formatting.php on line 76

    Redazione dotata di spirito! Complimenti…? un piacere leggervi


    Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/kses.php on line 527

    Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.politicaonline.it/home/politicsmatters/wp-includes/kses.php on line 96
    rosalba — 5/10/2004 @ 5:30 pm

Lascia un commento

Sorry, the comment form is closed at this time.

Politics matters Ŕ una iniziativa di Politicaonline.it

Perché PoliticsMatters?

Le presidenziali USA alle porte paiono destinate a rimettere in moto il desiderio di attenzione e partecipazione politica in risposta ad un loro riproporsi in termini di scontro ideologico. Ciò anche per l'elevata posta in gioco rispetto agli equilibri socio-politici internazionali. Ecco allora questa iniziativa basata sull'impegno ad osservare da vicino quel che ruota intorno alle presidenziali USA analizzando i diversi livelli comunicativi proposti dai vari media.
Un blog-laboratorio, aperto e interdisciplinare, dove sperimentare le nuove possibilità del fare cultura e informazione politica.

Archivio

Per collaborare

Proposte (serie) di collaborazione vanno inoltrate alla redazione.

Copyright e licenze

I testi di questo sito sono responsabilitÓ e copyright dei rispettivi autori, e sono coperti dalla licenza Creative Commons Attribution - NoDerivs - NonCommercial

Creative Commons Logo


Syndicate